MERCOLEDÌ della V sett. di Pasqua SANTA RITA DA CASCIA, religiosa – MEMORIA (bianco)
mercoledì, 22 maggio 2019
Concerto di fra Alessandro al Planetario del Convento di Amelia 18 Feb 2019

Tra la musica e le stelle

Abbiamo alzato gli occhi al cielo stellato e le nostre orecchie hanno udito una voce magica e possente, quella di frate Alessandro Brustenghi, accompagnato dal suo organo portativo e dalla chitarra di fra Davide Boldrini. Nel buio si respirava un’aria carica di emozione e spiritualità. Il limpido cielo stellato sopra di noi era quello della cupola del planetario del Convento della Santissima Annunziata di Amelia, che ha ospitato “la voce di Assisi”.

Avevo solo sentito parlare di Fra Alessandro e della sua “popolarità”; ci siamo incontrati per pochi minuti davanti al fuoco del grande camino del convento, per scaldarci un po’ prima dell’inizio del concerto. Ho subito percepito la sua grande umiltà e gentilezza, ed ho pensato che fra Andrea aveva fatto proprio bene ad invitarlo nella nostra Amelia…. un gran bel dono!

L’evento in questione si è svolto in due momenti separati: il primo all’interno della Chiesa, gremita di persone venute per l’occasione; fra Alessandro ha eseguito vari brani, tra cui alcune laude medievali come Salutiam divotamente, Gloria n cielo, Voi ch’amate lo Creatore, Troppo perde’l tempo, Sia Laudato San Francesco; Panis angelicus di C. Franck , Camminate nella carità di L. Migliavacca e O Maria diana stella, Lauda rinascimentale. La magica melodia è stata accompagnata dalla soave voce di Miriam Nori, che ha letto alcuni brani del Vangelo riguardanti la Natività, la Gloria di Dio e i Santi, la Santissima Eucaristia ed infine la Vergine Maria. In chiusura del concerto, su grande richiesta dei presenti, non poteva mancare una delle più celebri laudi dedicate al Poverello di Assisi che ha riempito i cuori di commozione.

Il secondo momento si è svolto all’interno del planetario, dove fra Alessandro e fra Davide hanno eseguito Stella nova n fra la gente e Il Cantico delle creature in una ricostruzione di fra Alessandro, subito dopo una lettura del passo del Cantico delle Creature di San Francesco di Assisi, recitata da fra Andrea Frigo. Tra i due concerti i partecipanti sono stati allietati con un’abbondante apericena, consumata nel refettorio del convento. Di seguito i presenti sono stati intrattenuti da Padre Alfredo Bucaioni, il quale ha illustrato loro con grande passione la storia dell’antico convento francescano.

La serata è stata vissuta come un momento ricco di riflessioni, emozioni e convivialità, alla scoperta di San Francesco e del Creato, tra note, riflessioni di maestri di spiritualità della tradizione cristiana, profondi silenzi e miriadi di stelle. Un’esperienza sicuramente da ripetere!

Ricordo, inoltre, che il Planetario potrà essere visitato durante le aperture mensili (di solito il primo sabato del mese) nelle quali verranno organizzate conferenze e visite guidate su prenotazione. Per informazioni clicca QUI o visita la pagina FB Planetario di Amelia.   



Alessandro Brustenghi Alfredo Bucaioni Amelia Andrea Frigo Concerto Davide Boldrini Planetario

Articoli correlati

29 Apr 2019

“Ruotai con le stelle”

Incontro mensile al Planetario del Convento di Amelia
26 Feb 2019

L'Egitto si prepara a festeggiare San Francesco d'Assisi

Concerto di frate Alessandro in occasione degli 800 anni dell'incontro tra Francesco e il Sultano
23 Gen 2019

Ad Amelia, la Casa Santissima Annunziata riapre le porte

Accoglienza per gruppi, planetario, escursioni e tanto altro...
12 Gen 2019

Concerto Corale dei Laudesi Umbri di Spoleto

13 gennaio alle 15.30 nella Basilica di Santa Maria degli Angeli
31 Dic 2018

Tenore francescano canta la nascita di Gesù

Concerto di frate Alessandro a Gerusalemme
28 Nov 2018

Gran finale per i 75 anni di Valentino Miserachs Grau

Concerto nella Basilica Inferiore di San Francesco
21 Mag 2019

Il cammino dei patriarchi

Gli esercizi ignaziani sono un’esperienza spirituale in cui la preghiera si intreccia con la propria esistenza. Questa proposta non vuole tanto trasmettere nozioni, ma aiutare a sentire in profondità ciò che si medita, per passare dal sapere, al sapore e al gusto della Parola di Dio. Sant’Ignazio, infatti, dice chiaramente...