XXV DOMENICA DEL T.O. (verde)
domenica, 22 settembre 2019
L’episodio di Montecasale narrato dalle Fonti 05 Set 2018

Tre ladroni in un santuario?

Le Celle di Cortona e Montecasale sono due Eremi del Francescanesimo primitivo, legati cioè alla stessa presenza e attività di Francesco d’Assisi in Toscana. Qualcuno ne parla come di “luoghi gemelli” e lo sono realmente per la loro storia che segue un copione quasi identico, e per la dislocazione geografica.

L’Eremo di Montecasale, si trova sulla montagna sopra Sansepolcro, in provincia di Arezzo.

Il luogo era un vecchio fortilizio a difesa di un castello poco distante. I monaci camaldolesi lo avevano trasformato in un piccolo eremo, in luogo di ospitalità per i viandanti e anche in un lebbrosario. Nel 1212 fu donato a San Francesco, di cui rimane il letto costituito da un masso che il Santo riparava con frasche. Al 1224 risale il suo ultimo passaggio in queste zone, al ritorno da La Verna in direzione di Assisi.

Molto suggestiva è la minuscola chiesa, che ancor oggi conserva una Madonna con Bambino in legno policromo salvata, secondo la tradizione, per mano di San Francesco stesso dalla rovina del castello. Interessante è inoltre la serie di maioliche (XVII sec.) raffigurante la vita del Santo. La storia di Montecasale è legata soprattutto all’episodio dei tre ladroni, di cui tuttora si conservano i resti all’interno dell’antico convento.

Ascoltiamolo dalle parole del biografo:

«In quel tempo, si aggiravano nella contrada tre noti ladroni, che rubavano in tutta la zona. Un giorno bussarono alla porta del convento per chiedere da mangiare. Il guardiano, invece di accoglierli, gli rispose duramente: “Voi ladroni volete divorare le elemosine che sono mandate ai servi di Dio. Andate dunque per i fatti vostri e non presentatevi più in questo luogo”.

Ed ecco Francesco uscire fuori e rimproverare il guardiano, dicendogli: “Ti sei comportato crudelmente, perché i peccatori si riconducono a Dio con la dolcezza, non certo coi rimproveri. Il Signore Gesù Cristo dice che non è venuto a chiamare i giusti ma i peccatori a fare penitenza. Perciò ti comando che tu vada dietro ai ladroni per monti e per valli finché non li ritrovi. Chiederai poi perdono e li pregherai che non facciano più del male, ma temano Iddio e non offendano il prossimo. E se faranno questo prometto di dargli da mangiare e da bere”.

Mentre il guardiano andò a mettere in pratica il comandamento di Francesco, egli pregava Iddio che ammorbidisse i cuori di quei ladroni perché si convertissero. Il che, com’è noto, avvenne. Anzi, addirittura chiesero ed ottennero di entrare a fare parte dell’Ordine. Fecero penitenza e morirono a Montecasale».



Briganti Eremo Fonti Francescane Montecasale San Francesco

Articoli correlati

19 Set 2019

Celebrazione nazionale di San Francesco, patrono d'Italia

Dal 24 settembre al 4 ottobre ad Assisi
12 Set 2019

Francesco, uomo di Parola

Meditare sugli scritti e sui luoghi del santo di Assisi
03 Set 2019

Rivivere la conversione di Francesco

III edizione della Cena Medievale: rievocazione storica al convento di Santa Maria della Spineta
08 Ago 2019

Chiara a San Damiano: il luogo della povertà

Le povere Dame nel “loghicciuolo” delle origini
01 Ago 2019

Come Francesco chiese e ottenne l'indulgenza della Porziuncola

Oggi solenne Celebrazione di Apertura del Perdono di Assisi con il Ministro generale dei Frati Minori
30 Lug 2019

Umili e sottomessi ad ogni umana creatura per gustare il Perdono di Dio!

1^ meditazione del Triduo in preparazione alla Solennità del Perdono di Assisi
28 Ago 2019

Guatemala, anno Domini 1981

Padre Tullio Maruzzo – al secolo Marcello – sacerdote professo dell’Ordine dei Frati Minori e Luis Obdulio Arroyo Navarro, il suo giovane catechista, dell’Ordine francescano secolare, uccisi insieme “in odium fidei” il primo luglio 1981 mentre tornavano in parrocchia dopo un incontro di catechesi.