ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Dal 28 al 30 settembre, a Bologna, la decima edizione di Festival Francescano 11 Ago 2018

Tu sei bellezza

Festival Francescano festeggia la sua decima edizione, a Bologna dal 28 al 30 settembre, con più di 200 iniziative tutte dedicate al tema del bello.

Con lo slogan “tu sei bellezza”, i francescani dell’Emilia-Romagna interpretano una categoria filosofica, già ampiamente dibattuta, soprattutto dal punto di vista relazionale: il rapporto con gli altri e con Dio genera bellezza, il riconoscere se stessi come portatori di bellezza è di per sé bellezza.

Anteprima mercoledì 26 settembre, alle 18.30 in piazza Verdi (prospiciente al Teatro Comunale e cuore della zona universitaria) con un incontro rivolto ai giovani che vedrà la partecipazione, tra gli altri, del Vescovo di Bologna mons. Matteo Maria Zuppi, del campione di pallacanestro Giacomo Galanda e della rock band The Sun.

Il giovedì pomeriggio, come ormai da tradizione, il Festival organizza per l’Ordine dei Giornalisti un seminario di formazione professionale sul racconto della bellezza. Tra i relatori, il fotografo di fama internazionale Maki Galimberti.

La manifestazione inizia ufficialmente, in piazza Maggiore, il venerdì mattina con numerosi spettacoli e conferenze rivolti in particolare agli studenti ma aperti a tutti, come la tavola rotonda “Che cos’è la bellezza? Attraverso e oltre l’estetica”, alle 9.30 presso la sala Stabat Mater dell’Archiginnasio. Novità di quest’anno, una frizzante rassegna stampa in diretta sui social a cura dei giornalisti Marco De Amicis e Andrea Iacomini, esperti di temi sociali.

Nel pomeriggio, tra le conferenze, quella della professoressa di Semiotica Giovanna Cosenza, sul valore dello sguardo, e del Vicario apostolico in Arabia meridionale fra Paul Hinder. Alle 18.30 si terrà un dibattito, moderato dal noto critico enogastronomico Andrea Grignaffini, tra “lo chef numero uno al mondo” Massimo Bottura e fra Giampaolo Cavalli, presidente del Festival e direttore dell’Antoniano di Bologna. L’incontro ruoterà attorno al concetto chiave: “Il recupero di cibo, spazi e persone passa attraverso un progetto culturale, indirizzato sia ai bisognosi che alle più ampie comunità”; ideale, questo, perseguito sia dall’associazione creata da Bottura, Food for Soul, sia dalla mensa dell’Antoniano.

A partire dal venerdì pomeriggio, iniziano le attività di piazza e intrattenimento dedicate a tutta la famiglia. In particolare, nei tre giorni del Festival si terrà la tredicesima edizione della Città dello Zecchino d’Oro.

Alle 21, si terrà il concerto dei Radiodervish “Il Sangre e il Sal”, canzoni che come radici si avventurano alla ricerca di un Mediterraneo fatto da persone, al fine di raccogliere il senso umano della bellezza e della civiltà quotidiana composta da gesti semplici.

Il programma delle conferenze di sabato 29 settembre prevede anche un seminario sulla bellezza come strumento d’integrazione (alle ore 10.30, presso Palazzo d’Accursio, a cura di Fondazione Maccaferri) al quale parteciperà, tra gli altri, l’archeologo e scrittore Valerio Massimo Manfredi. Nello stesso luogo, alle ore 18, appuntamento con lo storico dell’arte Flavio Caroli.

In serata, debutterà lo spettacolo “Dov’è bellezza”, con Paolo Rumiz e la European Spirit of Youth Orchestra diretta dal Maestro Igor Coretti Kuret; con la testimonianza del Coro Papageno, l’attrice Tiziana De Masi e il Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano diretto da Sabrina Simoni, per la conduzione di Francesca Fialdini.

La domenica mattina inizia alle ore 9.30 con la celebrazione eucaristica, “rigorosamente” in piazza Maggiore. Alle 15, una lezione di Piero Dorfles indagherà il rapporto tra bellezza e letteratura. Il programma delle conferenze termina alle 18 con un dibattito dal titolo “Il corpo tra comunicazione e manipolazione” tra l’esperta di comunicazione Annamaria Testa e il teologo fra Paolo Benanti.

Dal 15 settembre al 15 ottobre, la Pinacoteca nazionale di Bologna propone un percorso tra le opere provenienti dalla basilica di S. Francesco. Nello stesso mese e fino a marzo 2019, il Museo civico medievale espone i corali francescani. Durante i giorni del Festival, visite guidate nei luoghi dell’arte francescana in città.

Festival Francescano è organizzato dal Movimento francescano dell'Emilia-Romagna, in collaborazione con Comune e Chiesa di Bologna, con il patrocinio della Città metropolitana di Bologna, della Regione Emilia-Romagna e della CEI. Con il sostegno di BPER Banca e Nykor Pilot Pen. Media partner: TV2000. Il programma completo su www.festivalfrancescano.it.



Bellezza Bologna Festival Francescano Matteo Zuppi Paolo Benanti

Articoli correlati

07 Feb 2023

Convivium pacis - Per un itinerario di pace

Iniziativa del Coordinamento Frati Francescani di Assisi 24-26 febbraio 2023
04 Ott 2022

Il vero luogo del transito sono le braccia del Padre che ci accoglierà tutti nel suo cuore

Primi Vespri del Transito di San Francesco e Veglia di preghiera alla Porziuncola
06 Set 2022

L’Italia intera pellegrina ad Assisi

Quest'anno saranno la CEI e il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a rendere omaggio al Santo Patrono il 3 e 4 ottobre
02 Set 2022

Solennità di San Francesco 2022

Lunedì 5 a Roma la conferenza stampa di presentazione delle celebrazioni
24 Mag 2022

Il card. Matteo Zuppi nominato presidente della CEI

Gli auguri e la preghiera per lui da parte dei frati minori di Umbria-Sardegna
22 Apr 2022

Chiara e la bellezza del volto di Cristo Crocifisso

Colui che restaura la nostra immagine sfigurata
07 Mag 2024

OFS d’Italia: eletto il nuovo Consiglio nazionale. Luca Piras riconfermato presidente

Ad Assisi, il 4 Maggio, l’Ordine Francescano Secolare d’Italia ha eletto il suo nuovo Consiglio nazionale: a guidare la fraternità dei laici francescani saranno Luca Piras 



  • 01 Mag 2024

    Un tuffo nella bellezza…INSIEME!

    Alcuni frati del Convento Porziuncola, si sono recati alla Galleria Nazionale dell’Umbria per ammirare la mostra “L’Enigma del Maestro di San Francesco. Lo stil novo del Duecento Umbro”.