ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
III serata del Triduo in preparazione al Perdono di Assisi 01 Ago 2023

Un Dio sempre presente

Siamo giunti a questo terzo giorno del Triduo di preparazione alla Festa del Perdono di Assisi 2023, grazie alle meditazioni di S.B. Mons. Pierbattista Pizzaballa. Nei giorni scorsi è stato ricordata l’importanza della preghiera in Abramo, Isacco e san Francesco (I serata – II serata).

In questa serata, la meditazione si è concentrata sulla preghiera in Giacobbe, in particolare su Gen 28. Qui, Giacobbe giunge dopo una clima di tensione con il fratello Esaù. Quest’ultimo, infatti, tenta di uccidere il fratello poiché gli ha carpito la primogenitura con un gioco d’astuzia approfittando di un momento di debolezza dello stesso Esaù.
In questo momento di fuga avviene l’incontro notturno di Giacobbe con il Signore tramite una visione: “una scala che poggia sulla terra e la sua cima raggiunge il cielo; ed ecco gli angeli di Dio salivano e scendevano su di essa” (cfr. Gen 28,12). In questa visione, le due realtà, così distanti del cielo e della terra si toccano, sono comunicanti. Inoltre la particolarità di questa scala sta nel fatto che il moto degli angeli è ascendente e non discendente, come ci si aspetterebbe. Gli angeli vengono dal basso e abitano quindi più la terra che il cielo.
Giacobbe si sente accompagnato dalla grazia del Signore nonostante tutti i suoi sotterfugi. Qui Giacobbe ha riconosciuto che Dio è vicino, è in relazione con lui, nonostante la vita fatta di pieghe e sotterfugi.  Una esperienza dello stesso tipo l’ha vissuta anche san Francesco come lui stesso ricorda nel suo Testamento.
In questo piccolo ma prezioso testo, il Santo di Assisi riconosce che Dio è entrato nella sua storia operando una trasformazione radicale: egli è invitato a “fare penitenza”, cioè ad entrare in un ottica nuova di misericordia. In quest’ottica Francesco è condotto alla riscoperta di una nuova dolcezza: stare con i lebbrosi, una fede nelle chiese, e la fraternità.
Il Patriarca di Gerusalemme ha sottolineando come il Signore abbia insegnato a san Francesco l’arte di vivere, come in una grande parabola del Regno, sapendo cogliere in tutto, anche nel dolore e nella morte, una Parola capace di accendere una speranza.

Infine il Patriarca di Gerusalemme ha voluto dare una breve pennellata di come il perdono viene vissuto in Terra Santa. Se è vero che il perdono è riconoscere il male, e, allo stesso tempo, non permettere che il male sia l’ultima parola, in questi luoghi Santi, il perdono sembra essere connotato da una sorta di tabù o comunque segno di debolezza.
Esso è spesso visto in contrapposizione della giustizia, perché chi perdona sembra mettersi dalla parte di chi permette l’ingiustizia. In realtà, perdono e giustizia sono sinonimi. Grazie al Perdono di Dio, è possibile avere giustizia e perdono allo stesso tempo.
Solo con l’umile presenza, una testimonianza semplice, un’intercessione instancabile e il coraggio di avere anche parole scomode coniugate con una vita segnata dalla carità è veramente possibile contribuire ad un mondo dove regnano giustizia e perdono.   



Perdono Perdono di Assisi Pierbattista Pizzaballa Porziuncola Terra Santa Triduo

Articoli correlati

24 Mag 2024

Solennità del Corpus Domini alla Porziuncola

Il Programma 2024 delle Celebrazioni liturgiche in Basilica
20 Mag 2024

Tra fede e bellezza, torna la Notte dei Santuari

Un'iniziativa promossa dal Collegamento nazionale dei Santuari italiani insieme all’Ufficio nazionale per la Pastorale del tempo libero, turismo e sport della Cei
17 Mag 2024

In cammino verso il Ben-Essere

A Umbertide, la seconda edizione della manifestazione: Sto coi frati e zappo l’orto. In cammino verso il Ben-Essere
10 Mag 2024

Un Giubileo tutto sulla Speranza

Papa Francesco emana la Bolla di indizione del Giubileo del 2025 Spes non confundit, la speranza non confonde
07 Mag 2024

OFS d’Italia: eletto il nuovo Consiglio nazionale. Luca Piras riconfermato presidente

Ad Assisi, il 4 Maggio, l’Ordine Francescano Secolare d’Italia ha eletto il suo nuovo Consiglio nazionale: a guidare la fraternità dei laici francescani saranno Luca Piras
03 Mag 2024

L’esperienza del Francescout

Sulle orme del Poverello di Assisi, alla sequela di Cristo, cercando di conoscere il segreto della sua gioia
24 Mag 2024

Solennità del Corpus Domini alla Porziuncola

Il Programma 2024 delle Celebrazioni liturgiche in Basilica