XX DOMENICA DEL T.O. (verde)
domenica, 19 agosto 2018
Cosa insegna san Francesco per recuperare i “fratelli briganti” 05 Mar 2018

Un francescano incontra i detenuti di un carcere di massima sicurezza

Fra Giuseppe Giunti, da diverso tempo è impegnato negli ambienti carcerari, dove sono reclusi anche autori di gravi delitti. Come è nata questa sua particolare opera di misericordia ed evangelizzazione?

Devo la possibilità di operare e recentemente anche “stare” all’interno di un carcere ai progetti della Cooperativa Coompany&, voluta a suo tempo da monsignor Fernando Charrier, vescovo di Alessandria, che diede anche vita all’ufficio della CEI per la pastorale sociale e del lavoro.

Questo soggetto sociale crea e mantiene posti di lavoro nella casa di reclusione (agricoltura, apicoltura, bar interno, etc.) come anche all’esterno (ristorazione sociale, accoglienza richiedenti asilo, mensa Caritas, traslochi, progetti in rete con realtà analoghe, case alpine in Val d’Aosta, etc.) e in questo quadro, tempo fa, avviammo un progetto denominato “Fratelli briganti”; lettura di brani delle Fonti Francescane in parallelo a studenti del Liceo “Balbo” di scienze umane, di Casale Monferrato, che sfociò in una giornata straordinaria di compresenza: studenti, detenuti, operatori e soci della cooperativa, religiosi e religiose. L’occasione fu anche il testo Wanted, esercizi spirituali francescani per ladri e briganti di Fabio Scarsato (Edizioni Messaggero Padova, 2015), che ha una bellissima introduzione a cura di “Ristretti orizzonti”.

Quando pensai a dove e come vivere gli esercizi spirituali trovai naturale chiedere di andare dentro al carcere e il direttore Domenico Arena fu totalmente collaborativo, suggerendomi lui stesso di recarmi al piano superiore, nelle camere di detenzione, e non restare soltanto a piano terra, nei locali della palestra, degli uffici, della cappellina, dei colloqui.

Cosa può dire un sacerdote a una persona che confessa reati tanto efferati? Qual è la strada che indica loro percorribile per una riconciliazione con se stessi, con le vittime, con i familiari?

Questa domanda ha una sola ed esclusiva risposta, si può soltanto rendere presente, viva ed efficace la risposta di Gesù sulla croce, a pochi momenti dalla morte, data al criminale che aveva accanto, narrata da Luca al capitolo 23,42s.

Gesù non discute sui reati, sulle pene, sulla giustizia romana; la sua risposta stabilisce, promette una relazione con quell’uomo. Tu, oggi, sarai con me. Il tutto preceduto da una garanzia forte e indiscutibile con la quale Gesù mette la propria garanzia al tutto: “in verità”.

Come dire di non stare a preoccuparsi, nemmeno a farsi più troppe domande, tanto c’è lui.

Il Signore non discute se la giustizia romana aveva emanato una pena corretta, ma prende a cuore il destino di quel malfattore che chiede che la sua vita non scompaia nel nulla (ricordati di me!).

Gesù non impicca quella vita al passato, quell’uomo per lui non è, non consiste, non coincide con i crimini commessi; per lui è una persona alla quale deve dare speranza certa, lui che può farlo.

È a partire da qui, dalla grandezza dell’amore di Dio non misurabile con i nostri criteri, che si può faticosamente riconciliarsi con se stessi e con la propria famiglia.

La riconciliazione è una strada lunga e tortuosa e oggi sono ancora rari i casi in cui vittima e carnefici trovano percorsi che abbiano un crocevia comune. Si tratta di una sfida sociale non da poco. Ci sono tentativi in atto, anche a cura dell’associazione Libera.

Di recente ha avuto esperienze dirette con collaboratori di giustizia. La decisione di “uscire dal giro” e di denunciare il sistema malavitoso, quanto per sua esperienza è legato a una conversione? Ovvero, c’è una correlazione tra la scelta di collaborare con il sistema giudiziario e di aderire a un rinnovamento anche spirituale della propria vita?

Spesso è la forza della donna che fa aprire gli occhi, altre volte è la paura, o anche il desiderio forte di dare ai propri figli un futuro il più possibile normale, mentre la parola pentimento, conversione, è usata pochissimo, non perché non esistano queste dinamiche di salvezza, ma perché devono restare personali, nascoste, ed hanno tempi e modalità diversissime tra persona e persona.

Dai suoi racconti, peraltro molto discreti, relativi a queste esperienze nelle carceri di massima sicurezza, sono stata colpita in maniera forte dalla sensazione di grande disagio avvertita nel momento in cui si è trovato ad assolvere una persona. Confessione-assoluzione non è un semplice automatismo…

Sono state le parole dell’atto sacramentale “io ti assolvo” che mi hanno scosso come non mai. Intanto il termine stesso risulta ambiguo ma anche potente in quel contesto, perché si tratta di uomini condannati, non assolti, dai nostri Tribunali che ora Dio Padre invece assolve e non condanna, dal suo punto di vista, nella sua logica. Non posso chiamarlo disagio, ma totale inadeguatezza a parlare in persona di Gesù a fratelli speciali, molto speciali. E non mi vergogno nel ricordare l’abbraccio e le lacrime liberatorie per me e per altri. Mi sono sentito piccolo piccolo…

Papa Francesco ha sempre dimostrato e invitato alla misericordia verso i carcerati, rimarcando come spesso i contesti della vita possono condurre su strade sbagliate e come tutti dovremmo metterci nei panni di chi è stato più debole e magari più sfortunato di noi. Come è percepita, al di là delle sbarre, la figura di questo pontefice?

Con molta simpatia, istintiva, a pelle. Ma si tratta di una lacuna che vorrei colmare, bisogna cioè approfondire i gesti e le parole di Bergoglio perché non si riduca a un videogioco, finito il quale tu non sei cambiato; uno spettacolino interessante per mezzoretta ma che non ti coinvolge, e lo dico perché talvolta percepisco questo pericolo nell’opinione pubblica.

Magari si tratta di una tecnica inconscia di difesa dalle sue evangeliche proposte e provocazioni. La formidabile comunicativa del papa vuole essere canale per l’incontro di salvezza.

In effetti un detenuto ha raccontato la sua folgorazione a vedere papa Francesco lavargli i piedi, baciarli e poi alzare in silenzio lo sguardo verso i suoi occhi. Quando le cose vanno così significa che la comunicazione è evangelicamente efficace.

Stiamo vivendo in un contesto “disordinato”, nel quale sembrano venir meno delle certezze, anche in termini di giustizia. Questa diffusa sensazione quanto porta ad essere più trincerati nei nostri spazi, meno propensi alla misericordia e quindi anche al perdono? Che mondo si percepisce dal carcere e che attese si nutrono?

Devo dire che la nostalgia che provo di tornare al più presto in contatto con i miei “fratelli ristretti” sta proprio qua. Sono degli analisti, dei sociologi, degli antropologi senza patentino, ma formidabili. Mi spiego e riassumo semplificando un po’ alcune dinamiche da loro narrate, in particolare attorno alla tavola del pranzo, in cella.

Primo: molti fanno riferimento alla donna per la decisione presa di collaborare. Secondo: non esiste più la gerarchia criminale tra di loro, semmai rispetto per l’anzianità. Terzo: quasi nessuno ha finito le scuole e il rammarico è evidente. Quarto: alcuni stanno facendo percorsi religiosi o sapienziali di cambiamento di mentalità. Quinto: i figli sono la calamita formidabile per andare avanti.

Proviamo adesso a immaginare nella società esterna al carcere questi elementi in azione, come dei fermenti di cultura e di stili di vita. Fantascienza. Là ritorna, anche se in modo a volte elementare, ciò che fuori è frantumato; là le vite si ricostruiscono su qualche base che altrove è liquida, se non evaporata. Sarebbe bello e utile poter divulgare queste analisi, chissà!

Francesco d’Assisi dà una grande lezione in merito al recupero dei “fratelli briganti” (FF 1759), dimostrando come affetto e rispetto possono riportare sulla retta via anche briganti incalliti. Una puntuale dimostrazione della sensibilità, della forza e della perenne modernità del Poverello…

Quel brano storico, in forza del quale nella celebrazione eucaristica mi rivolgo dicendo “fratelli briganti, il Signore sia con voi...” è un vero e proprio protocollo per avvicinare il mondo della criminalità.

Intanto dà un progetto ai suoi frati, conquistare le vite di quei fuorilegge. Non punta sulla sicurezza delle strade, sulle paure degli abitanti di Borgo San Sepolcro. Poi si concentra sul togliere la causa forte della loro azione criminale: comprargli da mangiare e da bere. Terzo, gridare forte le due verità apparentemente opposte e incompatibili: fratelli/briganti. Siete briganti, certo, e lo diciamo nel pieno del bosco, ad alta voce, nella verità, ma nessuno può togliervi la qualifica di nostri fratelli.

È lo stesso atteggiamento del padre misericordioso (Lc 15, 28-32) il quale, al figlio maggiore che stizzito non vuole entrare in casa e rinfaccia gli sbagli “di questo tuo figlio”, risponde che “questo tuo fratello...etc.”.

Poi Francesco, magari ricordando le parole della mamma, comanda di metter tavola e di servire lietamente, sì perché si mangia anche con gli occhi e col cuore! Dopo pranzo cominciate a chiedere di astenersi dalla violenza, è il minimo per andare avanti, ma se chiedete tutto di colpo non vi ascolteranno. Il protocollo prosegue.

Aumentate le pietanze e a quel punto aprite le possibilità definitive. I briganti, sottolinea il testo, furono conquistati dall’umiltà e dalla benevolenza. La tovaglia posta per terra, alla loro misura, come gesto di bene-volere. La finale del brano è la verifica del progetto: i briganti eseguono “punto per punto” il programma, restituiscono ciò che hanno ricevuto e aiutano i frati entrando a loro volta nella logica del dare una mano; altri fanno un cammino esplicitamente religioso; altri si mettono a vivere mantenendosi col proprio lavoro.

di Elisabetta Lo Iacono, Giornalista, docente di Mass media
per “San Bonaventura informa“ (Gennaio 2018)



Briganti Carcere Caritas SBi

Articoli correlati

07 Ago 2018

Humanae Vitae 50 anni dopo

Proposta per una sintesi oltre il naturalismo e l’intellettualismo
03 Ago 2018

S come Spiritualità francescana

L’amore nella sua purezza e gratuità
26 Lug 2018

Scegliere separando

Riflessioni sul discernimento vocazionale
30 Giu 2018

Grazie Assisi per averci salvato la vita

Due fratelli eritrei abiteranno in vescovado, accanto alla sala della Spogliazione
28 Giu 2018

S come Specchio

Francesco, modello di santità e alter Christus
26 Giu 2018

Essere come dovremmo essere

La normalità come luogo teologico
18 Ago 2018

Cuore orante nella Chiesa e per la Chiesa

Cuore orante nella Chiesa e per la Chiesa la vita contemplativa femminile, custode di gratuità e di ricca fecondità apostolica, è stata sempre testimone visibile di misteriosa e multiforme santità ed arricchisce la Chiesa di Cristo con frutti di grazia e di misericordia. (Cor Orans) Nei giorni 19-22 luglio 2018...



  • 11 Ago 2018

    Tu sei bellezza

    Dal 28 al 30 settembre, a Bologna, la decima edizione di Festival Francescano