XV DOMENICA DEL T.O. (verde)
domenica, 15 luglio 2018
Inaugurazione della casa “Il Gelsomino” presso la parrocchia San Gregorio VII a Roma 03 Apr 2018

Una casa, quando casa è lontana

Domenica 25 marzo, presso la parrocchia di San Gregorio VII a Roma, si è svolta l’inaugurazione della casa “Il Gelsomino”, nata per offrire ospitalità gratuita ai bambini e alle loro famiglie, provenienti da lontano e in stato di disagio economico, che devono affrontare terapie mediche all’ospedale “Bambino Gesù”.

Il “Bambino Gesù” è il più grande Policlinico e Centro di ricerca pediatrico in Europa e il numero di pazienti che in esso vengono curati è molto elevato. Tra i tanti che raggiungono questo Centro pediatrico vi sono numerose famiglie che non possono permettersi l’alloggio per il tempo necessario – mai breve – alla cura dei bimbi, e che sono costrette spesso ad utilizzare sistemazioni di fortuna.

La comunità parrocchiale di San Gregorio VII, adiacente all’ospedale, si è sentita chiamata a dare sostegno a questa urgente necessità sociale. Ha pensato, perciò, di dedicarsi all’accoglienza e al conforto di questi bambini e delle loro famiglie creando in una parte dei suoi locali una casa – denominata “Il Gelsomino” – destinata ad ospitarli.

Il progetto ha previsto la ristrutturazione degli attuali locali per un’estensione di circa 250 mq. e la realizzazione di una casa in grado di ospitare quattro nuclei familiari. L’intento è quello di creare un ambiente dove l’ospitalità e l’accoglienza familiare e gratuita possano permettere a queste famiglie, nella difficoltà e nel dolore, di vivere un momento di tranquillità e di conforto.

Il progetto nasce in collaborazione con l’ospedale “Bambino Gesù” e, in particolare, con il supporto della dottoressa Lucia Celesti, che ha seguito anche la preparazione dei volontari (al momento circa 70) che si faranno carico di questo delicato impegno. A loro non viene richiesta solo un’attività di natura pratica per la gestione della casa, ma soprattutto la presenza e la vicinanza agli ospiti. Accoglienza intesa come disponibilità all’incontro e all’ascolto: quel “prendersi cura” dell’altro che ha bisogno di gesti concreti, ma non solo.

Come disse Papa Francesco il 12 luglio 2015: “Quante ferite, quanta disperazione si possono curare in una dimora dove uno possa sentirsi accolto…”.

La casa “Il Gelsomino” nasce con questo spirito e vale la pena ricordare che tutti i lavori di ristrutturazione sono stati finanziati dai parrocchiani e da privati con donazioni ed offerte: un esempio di come l’affidamento alla Provvidenza e l’impegno dell’uomo possano sostenersi vicendevolmente.

Visitando i locali del “Gelsomino”, il calore familiare si percepisce anche nella cura e nella scelta dell’arredo e del mobilio, semplici e al tempo stesso accoglienti. Un progetto già sperimentato in altre parrocchie romane, che oggi prende forma anche nella parrocchia di San Gregorio VII.

Per informazioni sul progetto e contatti:
Parrocchia San Gregorio VII
“Il Gelsomino”, Via del Cottolengo 4 – Roma
Telefono: 06.631709
www.sangregoriovii.org

Testo di Monica Cardarelli pubblicato su Frammenti di Pace



Aiuto Bambini Famiglia Monica Cardarelli Ospedale

Articoli correlati

01 Lug 2018

Programma Africa

I programmi regionali di Franciscans International
22 Giu 2018

Corso di Formazione Permanente in Pastorale Familiare per Sacerdoti

Roma, 9 ottobre 2018 - 29 novembre 2018
09 Giu 2018

Chiamati alla Santità

Festa di Sant’Antonio nel santuario dei Protomartiri a Terni
01 Giu 2018

Mi sacrifico per te

Seminario di pedagogia genitoriale
28 Mag 2018

Segno e strumento di comunione, nel segno di San Francesco e di San Massimiliano Kolbe

Cronaca della visita pastorale del Vescovo alla parrocchia amerina servita dai frati
09 Mag 2018

Famiglia e Creato in cammino insieme

Festa della Famiglia con p.Giulio Michelini e fra Alessandro Brustenghi
Leggi altre notizie dallo speciale

14 Lug 2018

Casa Papa Francesco, una casa per i poveri

Dal mese di settembre del 2014, una piccola comunità di Frati Minori vive prestando servizio in una struttura di Santa Maria degli Angeli: andiamo a conoscerla. Attualmente ne fanno parte fr. Stefano Tondelli, fr. Danilo Cruciani e fr. Nazareno Romito. Come nasce questa comunità? E come mai tre giovani frati vivono...