XX DOMENICA DEL T.O. (verde)
domenica, 19 agosto 2018
Attività della Commissione OFM di Giustizia, pace e integrità del creato 08 Ago 2018

Una soluzione climatica: riconnettersi con tutti gli esseri

Sai come la natura e la creazione vengono ora distrutte dalla crisi antropogenica? Hai mai visto come questa distruzione distrugge gli esseri umani e la natura? Hai mai sentito la sofferenza degli altri causata da questa distruzione?

Il cambiamento climatico è la più grande minaccia del nostro tempo ed anche per il futuro delle prossime generazioni. Con appena 1 grado Celsius di aumento della temperatura media globale, il mondo ha avuto più numerose e più forti inondazioni, ondate di calore, siccità e tempeste che nei passati decenni. È il distacco dalla natura che ha rafforzato la nostra avidità e causato un clima disastroso e una crisi ecologica. Allo stesso tempo, ci ha portato a intorpidire l'angoscia, il dolore e la disperazione degli altri esseri. Quanto siamo sensibili al dolore degli altri esseri? Molti esseri umani sono indifferenti alle sofferenze degli altri e non vogliono affrontarle.  Per rispondere alla crisi climatica, il passo più importante è quello di vedere la realtà così com'è, riconnettendoci con la natura e con le altre creature e correggendo i nostri atteggiamenti e le nostre prospettive nei loro confronti. I leader religiosi dovrebbero svolgere un ruolo significativo per collegare le persone con la natura e gli altri esseri, e trasformare il modo di pensare delle persone nei confronti della natura e degli altri esseri, siano essi i loro simili, o gli animali o le piante. Tuttavia, come molte persone laiche, molti leader religiosi sembrano indifferenti alle agonie altrui e non vorrebbero affrontarle.

La Chiesa cattolica ha grandi insegnamenti sulla natura e l'ambiente, come la lettera enciclica Laudato si’ del Santo Padre Francesco sulla cura per la nostra casa comune. Credo che Laudato si’ abbia ispirato molte persone e perfino diverse organizzazioni religiose e abbia contribuito all'Accordo di Parigi sul Clima. Ricordo ancora che tanti gruppi sociali hanno atteso con ansia di avere la Laudato si', e si aspettavano che avrebbe influenzato la Conferenza delle Nazioni Unite sul Clima nel 2015.

Per quanto ne so, i francescani hanno San Francesco d'Assisi i cui insegnamenti sono ecologici. Nonostante questi preziosi insegnamenti ecologici sulla protezione della natura e del creato nella tradizione cattolica, spesso sento da sacerdoti cattolici che ho conosciuto che non molti sacerdoti hanno a cuore l'angoscia degli altri causata dalla distruzione del clima.

A questo proposito, pongo alcune domande sulle quali i francescani possono riflettere nel guidare i laici nel superamento della crisi climatica ed ecologica, come segue.  Ti senti connesso con la natura e con le altre creature? Sai come la natura e la creazione vengono ora distrutte dalla crisi antropogenica? Hai mai visto come questa distruzione distrugge gli esseri umani e la natura? Hai mai sentito la sofferenza degli altri causata da questa distruzione? Allora, cosa stai facendo ora per seguire gli insegnamenti ecologici di Laudato si’ e di San Francesco o per alleviare le sofferenze altrui?

Possiamo prendere in considerazione l'idea di portare le persone nei villaggi rurali colpiti da eventi meteorologici estremi o di sommergere piccole isole nell'Oceano Pacifico per aiutarle a vedere cosa vi sta realmente accadendo. In realtà, non è facile per noi farlo, perché costerebbe troppo. Pertanto, la mia organizzazione, Interreligious Climate and Ecology (ICE) Network ha deciso di iniziare la proiezione di film sui cambiamenti climatici due mesi fa, in collaborazione con GPIC francescano in Corea. Grazie ad un padre francescano profondamente preoccupato per la crisi climatica e sostenitore della Rete ICE, possiamo tenere proiezioni cinematografiche nel Centro di Educazione Francescana nel centro di Seul una volta al mese.  Con la proiezione del film, siamo in grado di rendere le persone consapevoli di come il cambiamento climatico ha influenzato gli esseri umani e la natura, e di ricollegare le persone con le persone svantaggiate. Il primo film che abbiamo mostrato è stato Disruption, diretto da Jared P. Scott. Nel film, gli scienziati hanno parlato di scienza del clima e gli attivisti hanno detto il motivo per cui le persone dovrebbero scendere in strada per affrontare la crisi climatica. Include anche alcune scene di luoghi nelle Filippine lasciati pesantemente povere dal tifone Haiyan nel 2013, che ha preso più di 8.000 vite umane della popolazione locale.

Una donna ha detto: “Dobbiamo sostenere le persone più vulnerabili al cambiamento climatico e i disabili”, subito dopo la proiezione. Un'altra donna ha suggerito che dobbiamo organizzare una marcia per il clima per far sentire la nostra voce a favore dei vulnerabili e dei deboli. Una suora cattolica ha detto: “Mi vergognavo mentre guardavo il film, e dubito che anche le energie rinnovabili possano essere la soluzione alla crisi climatica se continuiamo a consumare troppe cose che non sono necessarie”.  

Le risposte del pubblico al film sono state inaspettate e commoventi. Finalmente, la proiezione del film ha aiutato il pubblico a vedere la realtà così com'è e li ha collegati con gli altri che soffrono. Tre settimane dopo hanno potuto partecipare a una marcia per il clima organizzata da importanti gruppi ambientalisti in Corea. Insieme a una dozzina di francescani laici, hanno partecipato alla marcia che sembrava approfondire la loro comprensione della realtà climatica, l'ingiustizia e la disuguaglianza. Con diversi programmi e materiali didattici come la proiezione di film, frati e suore francescani potrebbero formare i laici per renderli empatici con la sofferenza altrui. G l i insegnamenti e la vita di san Francesco devono essere applicati alla formazione sulle questioni climatiche ed ecologiche. Le chiese francescane possono permettere ai laici di partecipare ad attività per trasformare la chiesa in una chiesa ecologica attraverso il risparmio energetico e l‘installazione di un sistema di energie rinnovabili.

Inoltre, la Chiesa dovrebbe ispirare le persone a condurre un sostenibile modo di vivere la loro vita quotidiana consumando meno e sostenendo e pregando per i più vulnerabili nei paesi in via di sviluppo di adattarsi al cambiamento climatico. La cosa più importante è incoraggiarli a partecipare alla mobilitazione per il clima e a far sentire la loro voce per spingere il governo ad adottare una politica verde e a fissare un obiettivo ambizioso in materia di mitigazione del clima. La Chiesa dovrebbe anche essere attiva nel difendere i poveri nei paesi più vulnerabili al cambiamento climatico e suggerire con forza che il governo li sostenga finanziariamente. Sono certo che queste azioni devono portare al cambiamento del sistema e scongiurare finalmente il cambiamento climatico. Infine, spero che la Chiesa non dimentichi di dire ai suoi laici di votare per buoni politici che si preoccupano della crisi climatica e che hanno la volontà di trasformare la società basata sui combustibili fossili.

*Junghee Min Segretario generale della Rete ICE (Inter-religious Climate and Ecology), una rete pan-asiatica composta da organizzazioni religiose e leader di comunità cattoliche, protestanti, musulmane, buddiste e buddiste Won, e da gruppi sociali che rispondono alle crisi climatiche ed ecologiche. La rete ICE ha sede a Seul, Corea del Sud, e lavora per implementare attività di adattamento al clima, formazione per le popolazioni religiose locali e networking internazionale e regionale in Asia.



Creato Giustizia GPIC Laudato si’ Pace

Articoli correlati

01 Ago 2018

Il perdono ricevuto ci renda accoglienti e generosi verso tutti

Il Ministro generale Michael Perry ”apre” il Perdono d’Assisi 2018
01 Ago 2018

Con la mia voce al Signore grido aiuto, con la mia voce supplico il Signore

Appello del Ministro Provinciale alla preghiera per il Nicaragua
29 Lug 2018

Flores et dulcedo

Apre al Museo della Porziuncola la mostra di Antonella Parlani
27 Lug 2018

La Pace secondo san Francesco

La libertà dell’apertura al prossimo
26 Lug 2018

Il Signore ti dia la Pace

Francesco d’Assisi: il Signore mi rivelò che dicessi questo saluto
24 Lug 2018

Programma Asia-Pacifico

I programmi regionali di Franciscans International
18 Ago 2018

Cuore orante nella Chiesa e per la Chiesa

Cuore orante nella Chiesa e per la Chiesa la vita contemplativa femminile, custode di gratuità e di ricca fecondità apostolica, è stata sempre testimone visibile di misteriosa e multiforme santità ed arricchisce la Chiesa di Cristo con frutti di grazia e di misericordia. (Cor Orans) Nei giorni 19-22 luglio 2018...



  • 11 Ago 2018

    Tu sei bellezza

    Dal 28 al 30 settembre, a Bologna, la decima edizione di Festival Francescano