GIOVEDÌ della V sett. di Pasqua Feria (bianco)
giovedì, 06 maggio 2021
Chiamati a prendere parte alla gioia del nostro Signore 20 Nov 2019

Una vita chiusa in un fazzoletto...

In quel tempo, Gesù disse una parabola, perché era vicino a Gerusalemme ed essi pensavano che il regno di Dio dovesse manifestarsi da un momento all’altro. 

Disse dunque: «Un uomo di nobile famiglia partì per un paese lontano, per ricevere il titolo di re e poi ritornare. Chiamati dieci dei suoi servi, consegnò loro dieci monete d’oro, dicendo: “Fatele fruttare fino al mio ritorno”. Ma i suoi cittadini lo odiavano e mandarono dietro di lui una delegazione a dire: “Non vogliamo che costui venga a regnare su di noi”. Dopo aver ricevuto il titolo di re, egli ritornò e fece chiamare quei servi a cui aveva consegnato il denaro, per sapere quanto ciascuno avesse guadagnato.
 
Si presentò il primo e disse: “Signore, la tua moneta d’oro ne ha fruttate dieci”. Gli disse: “Bene, servo buono! Poiché ti sei mostrato fedele nel poco, ricevi il potere sopra dieci città”.
 
Poi si presentò il secondo e disse: “Signore, la tua moneta d’oro ne ha fruttate cinque”. Anche a questo disse: “Tu pure sarai a capo di cinque città”.
 
Venne poi anche un altro e disse: “Signore, ecco la tua moneta d’oro, che ho tenuto nascosta in un fazzoletto; avevo paura di te, che sei un uomo severo: prendi quello che non hai messo in deposito e mieti quello che non hai seminato”. Gli rispose: “Dalle tue stesse parole ti giudico, servo malvagio! Sapevi che sono un uomo severo, che prendo quello che non ho messo in deposito e mieto quello che non ho seminato: perché allora non hai consegnato il mio denaro a una banca? Al mio ritorno l’avrei riscosso con gli interessi”. Disse poi ai presenti: “Toglietegli la moneta d’oro e datela a colui che ne ha dieci”. Gli risposero: “Signore, ne ha già dieci!”. “Io vi dico: A chi ha, sarà dato; invece a chi non ha, sarà tolto anche quello che ha. E quei miei nemici, che non volevano che io diventassi loro re, conduceteli qui e uccideteli davanti a me”».
 
Dette queste cose, Gesù camminava davanti a tutti salendo verso Gerusalemme.

Lc 19,11-28

Dire servo non è dire schiavo ma fiduciario del signore della casa, colui che ne amministra i beni, che gode della sua fiducia.

A loro, perchè si fida, affida i suoi averi. A noi, perché ci ama, dona la vita, la vocazione, ecc..tutto messo nelle nostre mani! Queste mani però possono essere aperte per fare fruttificare i doni o chiuse per paura di perdere. La cosa più triste che ci possa capitare è quella di vivere una vita "chiusa in un fazzoletto"!

Donaci Signore il coraggio di vivere, di amare e godere dell'essere figli nella tua casa.



Parola Porziuncola Riflessione Vangelo Vita

Articoli correlati

29 Apr 2021

Alberto Angela e la troupe di “Ulisse, il piacere della scoperta” ad Assisi

Prossimamente la puntata speciale dedicata a Francesco e Chiara
23 Apr 2021

fr Emidio Alessandrini, un uomo con la Risurrezione di Cristo nel cuore

Esequie di fr Emidio in Porziuncola, omelia del Ministro Provinciale
22 Apr 2021

La Terra è nostra “madre”

51a Giornata Mondiale della Terra
20 Apr 2021

La ricchezza dei carismi della Chiesa

Domenica 18 aprile alle 15:30 all'abbazia di San Pietro in Assisi
19 Apr 2021

Il nostro caro fr. Emidio è tornato alla Casa del Padre

Esequie giovedì 22 ore 11 presso la Basilica di Santa Maria degli Angeli di Assisi e in diretta web
12 Apr 2021

Ite ad Joseph

Solennità e Anno di San Giuseppe a Santa Maria degli Angeli
28 Apr 2021

Il conforto di Gesù Crocifisso

Memori dei prodigi avvenuti nei periodi di pandemie passate, vogliamo vivere insieme la solenne festa del Santissimo Crocifisso lunedì 3 maggio al santuario di San Damiano