MARTEDI della XX sett. del T.O. S. BERNARDO, abate e dottore – MEMORIA (bianco)
martedì, 20 agosto 2019
La croce: segnaletica che porta alla Vita 14 Set 2017

Per un cammino di salvezza

La croce è un cammino di salvezza per ogni uomo, è la “segnaletica” che sulla strada della vita ci guida verso Dio.

Se trovi una croce, vai avanti, perché sicuramente incontrerai il volto dell’Eterno!

«Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo. Chi non porta la propria croce e non viene dietro di me, non può essere mio discepolo», ha detto chiaramente Gesù alla gente che andava con Lui (Lc 14,26-27).

Chi non porta la propria croce e non segue Gesù, non può dirsi suo discepolo, non può dirsi cristiano. Se ci scandalizziamo della croce, se ci spaventiamo di fronte alla sofferenza, se facciamo di tutto per evitarla, vuol dire che non abbiamo ancora incontrato Cristo Risorto. I primi cristiani chiamavano la croce la “luce splendente del volto di Dio”: immaginavano Dio come il sole, che quando sorge illumina tutta la realtà.

Quando ti si presenta la croce, dunque, sta’ sicuro, perché quella è la strada maestra per incontrare il Signore! Avere fede è sapere che tutto – anche la malattia, l’insuccesso, una situazione difficile, la sofferenza … – «concorre al bene di coloro che amano Dio, che sono stati chiamati secondo il suo disegno» (Rm 8,28).

Tu sai qual è la tua croce? Perché il giorno in cui dubiteremo di averne una e ci metteremo a cercarla, vorrà dire che abbiamo perso di vista la realtà e che abbiamo relazioni superficiali con noi stessi e con Dio.

Il problema è sempre quello di riconoscere la propria croce, più o meno grande a seconda dei momenti e dei periodi della vita, attraverso la quale Egli vuole salvarci. Perché hai quella croce? Che senso ha per te oggi? Rispondere a questa domanda è fondamentale per il senso e la qualità della vita, per avere rapporti sani e gioiosi con la realtà di ogni giorno, con gli altri e soprattutto con Dio.

Un antico inno bizantino afferma che la croce è “ossatura della terra” e “pilastro dell’universo”.

Se togli le fondamenta, l’edificio crolla, non esiste più. Così è per la storia, quella del mondo e quella personale di ognuno di noi: il disegno imperscrutabile di Dio è di salvarci tutti attraverso la croce.



Cammino Croce Crocifisso Salvezza

Articoli correlati

30 Lug 2019

Lasciarsi guidare dalla Parola di Dio, luce che illumina il cammino

I marciatori di Umbria e Sardegna “scalano” San Terenziano
28 Lug 2019

Abramo e Francesco d’Assisi: il coraggio di lasciare per una nuova promessa

I marciatori della XXXIX Marcia francescana in cammino con una nuova promessa nel cuore
26 Lug 2019

“Al posto tuo”, in cammino verso il luogo che Dio ha preparato per noi

Partita la XXXIX Marcia Francescana, arrivo il 2 agosto in Porziuncola
16 Lug 2019

“Fate quello che vi dirà”

Concluso ad Assisi il Seminario finale di “Fa.Miglia in cammino”
20 Apr 2019

Restate uniti alla croce, su di essa poggia il fondamento della Chiesa

Celebrazioni del Venerdì santo in Porziuncola
14 Apr 2019

Volgere sguardo e cuore a Cristo crocifisso per amore!

Riflessione sulla Domenica delle Palme e della Passione del Signore
14 Ago 2019

In Maria assunta riscopriamo le dimensioni tutte della vita

Omelia che padre Cristoforo Cecci pronunciò nel 1973