VENERDI della XXIV sett. del T.O. SS. ANDREA KIM TAE-GŎN e compagni, martiri – MEMORIA (rosso)
venerdì, 20 settembre 2019
Protomartiri francescani

Berardo, Pietro, Ottone, Accursio e Adiuto sono tra i primi giovani provenienti da Calvi, San Gemini, Stroncone e forse da Narni, che vollero unirsi a Francesco d'Assisi. Da questi ottennero di poter andare a predicare il Vangelo in Marocco dove subirono il martirio.

Lo stesso Francesco quando ne apprese la notizia poté esclamare che da quel momento poteva veramente dire di avere cinque Frati Minori.

Queste primizie di testimonianza dell’Ordine minoritico conquistarono al francescanesimo il giovane agostiniano portoghese, noto poi come Antonio da Padova.

Recentemente il vescovo dalla Diocesi di Coimbra (dove i frati erano stati sepolti nel 1220) ha permesso che le reliquie dei cinque Protomartiri Francescani tornassero a riposare sul suolo umbro. Attualmente le stesse sono custodite e venerate nella chiesa di Sant’Antonio da Padova a Terni.

Chiara d’Assisi e la «pazienza» da indossare

L’iconografia della fondatrice delle clarisse nell’Umbria meridionale

Il beato Leopoldo da Gaiche per le strade dell’Umbria

Giornate di Primavera del Fondo per l'Ambiente Italiano

Francesco e il Sultano

Atti della Giornata di Studio (Firenze, 25 settembre 2010)

Festa dei primi martiri francescani

In cammino con i santi

Chiesa di Sant’Antonio in Terni

Santuario antoniano dei Protomartiri francescani, di Giuseppe Cassio

Protomartiri Francescani e s. Antonio a Coimbra

Pellegrini umbri sui loro passi

Dai Protomartiri francescani a sant'Antonio di Padova

Presentazione del volume

Dai Protomartiri Francescani a monsignor Luigi Padovese - missione e martirio nella storia francescana

Cronaca dell'incontro tenutosi il 15 gennaio 2011 a Terni

30 articoli totali