VENERDI della XXIV sett. del T.O. SS. ANDREA KIM TAE-GŎN e compagni, martiri – MEMORIA (rosso)
venerdì, 20 settembre 2019
Una storia da osservare, di Flavia Marcacci 30 Ott 2015

Riveder le stelle con san Francesco e Galileo Galilei

«Lodato sii, mio Signore, per sorella luna e le stelle: in cielo le hai formate chiarite e preziose e belle» afferma frate Francesco nel cantico di frate sole, più conosciuto come Cantico delle creature. Per giungere ad un’affermazione tanto sintetica quanto profonda deve aver passato diverso tempo e rimirare il cielo stellato nella Valle spoletana o in altri luoghi come gli eremi di Greccio e la Verna!

Influenzato anche dalla vicenda del Santo d’Assisi, Dante Alighieri scriverà la Divina Commedia concludendo l’Inferno con le famose parole: «E quindi uscimmo a riveder le stelle» (Inferno XXXIV, 139).

Questo fece nell’antichità Abramo su comando del Signore, ma poi anche i Magi che dall’Oriente si diressero verso Betlemme. Ma il personaggio per eccellenza che si mise a guardare le stelle fu certamente Galileo Galilei e l’accostamento al “Divin Poeta” non risulta assurdo se si considera che lo scienziato pisano nella sua vita per un periodo diede delle lezioni all’Accademia fiorentina Circa la figura, sito e grandezza dell’Inferno di Dante.

Lo storico interessato a individuare i percorsi lineari della scienza si chiede il motivo per cui Galileo merita di essere famoso e risponde con la scoperta della legge di caduta libera dei gravi.

Lo storico interessato a collocare le teorie nel loro contesto storico si chiede perché Galileo meritava di essere famoso e risponde con l’utilizzo del telescopio nelle esplorazioni celesti.

Lo storico attento alla figura di Galileo si chiede se egli voleva meritarsi la fama, e risponde un po’ imbarazzato che lo scienziato riteneva di aver trovato l’argomento definitivo per dimostrare il moto della Terra, ovvero l’argomento delle maree che è sbagliato.

Fatto sta che Galileo è spesso più conosciuto come un “caso” per via della vicenda avuta con la Chiesa, mentre è meno conosciuto come lo scienziato al crocevia di un momento delicato e fondamentale della storia della scienza e della filosofia.

Flavia Marcacci – professoressa di filosofia della scienza presso la Pontificia università Lateranense e membro del Centro Italiano di Lullismo – con il libro Galileo Galilei. Una storia da osservare (Lateran University Press - Roma 2015) si propone di “osservare” la storia di Galileo sotto angolazioni che diano conto della complessità della vicenda, offrendo una via di accesso a questa complessità a quanti non frequentano abitualmente gli studi galileiani.

Galileo Galilei. Una storia da osservare, di Flavia Marcacci.



Cantico delle Creature Flavia Marcacci Laudato si’

Articoli correlati

25 Lug 2019

Umanesimo della tenerezza, la missione nell'oggi

L'esperienza cristiana e francescana della venerabile Giovanna Maria della Croce
08 Mar 2019

Per un'ecologia integrale

In difesa della casa comune
24 Feb 2019

Una coraggiosa rivoluzione culturale

San Francesco e l'ecologia al centro della Festa della Vocazione Francescana
31 Gen 2019

Piero Casentini rivisita il Cantico delle Creature

Le nuove stampe disponibili a San Damiano
28 Nov 2018

Gran finale per i 75 anni di Valentino Miserachs Grau

Concerto nella Basilica Inferiore di San Francesco
03 Ott 2018

Attualità del magistero di San Francesco davanti alla morte

Celebrazione Eucaristica nella memoria del Transito
13 Set 2019

Festa degli Angeli 2019

Da oggi  fino al 29 settembre in Porziuncola le reliquie di San Domenico Savio