Cultura > Opera della Porziuncola

Una ONLUS per l'Arte, la Cultura e la Spiritualità


L’Opera della Porziuncola è un Ente della Provincia Serafica di San Francesco o.f.m. che ha come scopo la gestione, la tutela e la promozione del patrimonio storico, artistico e culturale custodito presso la Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola, e di coordinare le attività culturali ad essa inerenti.

La Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola è conosciuta soprattutto perché custodisce, come preziosa reliquia, il posto più caro al Poverello di Assisi: l’umile cappella della Porziuncola. Essa, insieme al luogo del suo beato transito e a ciò che ne ricorda la dimora e alcuni importanti avvenimenti, costituisce sicuramente il motivo principale per cui da ogni dove visitano questo santo tempio. Tuttavia, nei secoli, esso si è arricchito di innumerevoli tesori artistici e culturali, pensati come funzionali all’accoglienza dei pellegrini e alla loro edificazione. Il Santuario del Perdono riesce a conservare ora un raro equilibrio tra la sobrietà tipica francescana e la solennità di una basilica papale. La preziosità di questi tesori storici e culturali è ben descritta dagli affreschi che vi sono conservati (Perugino, Spagna, Overbeck ecc.), dalle cappelle laterali, straordinario esempio di barocco umbro, dai dipinti, dalle sculture, ma anche da un Museo di grande valore storico e artistico che illustra la storia della Basilica e custodisce alcuni straordinari documenti iconografici dell’arte italiana (Giunta Pisano, Cimabue, Andrea della Robbia).

Il valore del luogo poi è rappresentato dalla grande Biblioteca della Porziuncola, che vede l’origine fin dagli inizi dell’esperienza francescana, e che custodisce un patrimonio di eccezionale portata. Un archivio, inoltre, anch’esso aperto al pubblico, conserva la storia documentaria della presenza dei frati minori e delle vicende del santuario lungo i secoli.

Non è possibile poi tacere l’attività culturale e artistica che annualmente viene promossa dal Santuario, attraverso un numero consistente di concerti e di mostre che cercano di approfondire il significato dell’esperienza francescana e il valore dell’arte e della spiritualità qui custodite.

Opere e beni culturali che costituiscono per Assisi e Santa Maria degli Angeli e in genere per la nostra regione un patrimonio di incalcolabile valore e che non può essere responsabilmente conservato senza la partecipazione di tutta la comunità civile perché si tratta di un bene che di fatto appartiene a tutte le categorie sociali, economiche e culturali.

L’Opera della Porziuncola si prefigge di portare a conoscenza di tutta la comunità i progetti di gestione, promozione e tutela del suo patrimonio e di coinvolgere la partecipazione economica, politica e culturale di tutta la comunità civile attorno ad essa. E’ costituita da un Consiglio direttivo, da un Comitato Sostenitori, e da un Comitato Scientifico.

Per informazioni:
Provincia Serafica di san Francesco o.f.m.
Opera della Porziuncola O.n.l.u.s.
Piazza Porziuncola, 1
06081 Assisi – Santa Maria degli Angeli – Perugia
opera@porziuncola.org
Tel. 075.8051430




Museo della Porziuncola
Quando l'arte racconta la fede

Archivio storico
Della Provincia Serafica di S. Francesco

Cappella Musicale della Porziuncola
La Corale “PORZIUNCOLA”

Patrimonio organario
Della Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli in Assisi

Contribuire
All’Opera della Porziuncola




Articoli correlati


22/10/2014  18:42
Conviviale di Solidarietà della Caritas
e Auguri al Nuovo Custode della Porziuncola

12/10/2014  17:24
Istituzione di 5 nuovi accoliti
Omelia del Ministro Provinciale

12/10/2014  14:52
Francesco e i frati Minori nello specchio dell'Europa
42° Convegno Internazionale di Studi Francescani

12/10/2014  
SAN SERAFINO DA MONTEGRANARO
era letteralmente assetato di messe, di Eucaristia, di sacramenti, di preghiera

04/10/2014  22:25
Resta con noi per sempre Francesco!
Vespri di San Francesco in Cappella papale

04/10/2014  09:45
Solennità del nostro Serafico Padre San Francesco
Omelia del Ministro Generale, Michael A. Perry