ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
A circa dieci km da Nazareth, in Terra Santa, si trova Cana, chiamata anche Kafr Kanna 19 Gen 2022

Cana, luogo del primo miracolo di Gesù

A circa dieci km da Nazareth, in Terra Santa, si trova Cana, chiamata anche Kafr Kanna, che in arabo significa villaggio di Cana. Questa località è citata nella Bibbia per essere il luogo del primo miracolo di Gesù, che trasformò l’acqua in vino in occasione di una festa di matrimonio. Qui si trova il Santuario del Primo Miracolo di Gesù, sotto la custodia dei francescani, presenti a Cana da tre secoli.

Secondo il vangelo di Giovanni, durante le nozze, accorgendosi che il vino era finito, Maria disse a Gesù: “Non hanno più vino”. Gesù le rispose: “Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora”. Sua madre disse ai servitori: “Qualsiasi cosa vi dica, fatela”. Vi erano là sei anfore di pietra per la purificazione rituale dei Giudei, contenenti ciascuna da ottanta a centoventi litri. E Gesù disse loro: “Riempite d’acqua le anfore”; e le riempirono fino all’orlo. Disse loro di nuovo: “Ora prendetene e portatene a colui che dirige il banchetto”, il quale, dopo aver assaggiato il vino, lo approvò. Secondo l’evangelista: “Questo fu il primo miracolo di Gesù, compiuto a Cana di Galilea.”

“In questo tempo di pandemia – afferma fr. Bruno Varriano, guardiano e Rettore della Basilica dell’Annunciazione di Nazareth – penso che il messaggio di Cana sia che le sofferenze e le difficoltà che viviamo ci purificano e quest’acqua purificata ci porta alla gioia, a quella gioia vera, a quella gioia del vino nuovo. Questa è la testimonianza che danno i cristiani di Cana e la testimonianza che diamo noi, come cristiani, in questa celebrazione”.

A Cana si celebra la “terza epifania” di Gesù: la prima a Betlemme, quando Cristo si manifesta alla gente, la seconda sulle rive del Giordano, dove il Padre presenta Gesù come suo figlio e servo redentore. E poi a Cana, il Signore manifesta la sua presenza in mezzo alla comunità e, dalla sua presenza, viene quel dono del vino nuovo.

fonte: cmc-terrasanta.com



Custodia Gesù Cristo OFM Terra Santa

Articoli correlati

01 Feb 2024

Restiamo umani! Grazie di cuore

Ringraziamento da Fra Francesco Piloni per la campagna di raccolta fondi del Natale per la Terra Santa
15 Dic 2023

È il Medio Oriente il vero paralitico

Omelia del Custode di Terra Santa alla Porziuncola
04 Dic 2023

Un Natale con il cuore in mano. La speranza oltre la guerra

Alla Porziuncola inaugurazione dei presepi e delle iniziative di solidarietà
28 Nov 2023

Presepe sotto le stelle alla Porziuncola

Inaugurazione di una grande installazione davanti a Santa Maria degli Angeli
18 Ott 2023

Testimone della carità di Cristo

Ordinazione diaconale di fr. Nicola Taddeo Ciccone
16 Ott 2023

Innocenzo IV e gli ordini mendicanti

51^ edizione dell’annuale Convegno della Società Internazionale Studi francescani
22 Giu 2024

Chiara: chiaro segno di risurrezione

Nella Basilica romana di San Giovanni in Laterano la Chiusura dell'Inchiesta diocesana sulla Serva di Dio Chiara Corbella Petrillo 



  • 23 Mag 2024

    Carlo Acutis presto santo!

    Oggi, 23 maggio 2024, Papa Francesco ha promulgato il Decreto in cui è attribuito un miracolo all'intercessione del Beato Carlo