ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Riflessione di fra Simone Ceccobao sul tema del buon pastore 09 Mag 2020

Alla cura del buon pastore

Guardiamo con attenzione, fratelli tutti, il buon pastore che per salvare le sue pecore   sostenne la passione della croce. Le pecore del Signore l'hanno seguito nella tribolazione e persecuzione, nell'ignominia e nella fame, nella infermità e nella tentazione e in altre simili cose; e ne hanno ricevuto in cambio dal Signore la vita eterna. Perciò é grande vergogna per noi servi di Dio, che i santi abbiano compiuto queste opere e noi vogliamo ricevere gloria e onore con il semplice raccontarle! (Ammonizione VI: FF 155)

La prima notazione da fare al testo dell'ammonizione 6 riguarda il verbo di apertura, che riprende lo stesso della precedente, con due piccoli cambiamenti: mentre prima il testo si apriva con "Attende homo" adesso invece "Attendamus omnes fratres". Diverse possono essere la traduzione del verbo : "tutti noi frati" "facciamo attenzione", "guardiamo con cura", consideriamo attentamente". Spesso Francesco si rivolge ai suoi con questo o simili verbi, capaci di destare attenzione, perché quello che sta per dire è molto importante per la vita dei frati. Anzi: nel richiamo coinvolge anche se stesso usando un "tutti noi frati" con il quale rafforza l'efficacia del richiamo.

Dopo aver suonato la tromba dell'attenzione il Santo propone tre situazioni a cui i frati sono invitati a volgere il loro sguardo. Innanzitutto occorre vedere e stupirsi dell'amore che ha animato il pastore per le pecore, per le quali ha preso su di se la croce. Con questo ricordo Francesco si ricollega chiaramente alla chiusura della precedente ammonizione dove ricordava che la croce era la vera gloria di cui un uomo poteva vantarsi. Qui di fatto ne offre un motivo ulteriore: non solo, come era nella precedente, perché in quel momento abbracci la verità del tuo essere di carne, ma anche perché essa è il segno e l'evento con il quale il Signore si prese cura di noiIn Lui si trova il modello di ogni relazione vera: non si tratta di gloriarsi sugli altri ma di prendersi cura di loro come un pastore che muore per le sue pecore.

A questa prima fondamentale scena fa seguito una seconda a cui i frati debbono volgere ancora la loro attenzione. Le pecore che hanno seguito il loro pastore hanno condiviso il suo cammino di dono, entrando anche nella fatica dell'essere "amore crocifisso". Nella frase Francesco usa un altro verbo a lui carissimo: seguireLa sequela caratterizza la dinamica della relazione: puntando gli occhi sul pastore e fidandosi del suo tragitto, le pecore percorrono la stessa via, certe che essa conduce alla vita. La loro gloria, il loro vanto, la loro ricchezza sta nel tenere fisso lo sguardo su di Lui, sicure e fiduciose che egli si prende cura di loro rendendole intrepide nel seguire i suoi itinerari che conducono a Gerusalemme.

Allo sguardo attento che le vere pecore hanno avuto sul pastore, mettendosi alla sua sequela, si contrappone l'ultimo richiamo fatto da Francesco ai suoi frati. "Facciamo attenzione frati" che il nostro guardare con attenzione le storie di "santità" delle pecore che hanno seguito il pastore, non cada nella più totale contraddizione. Se lo sguardo puntato su queste storie di sequela non diventa modello di riferimento esistenziale, ma solo occasione di "raccontare" per averne poi gloria, allora tutto ciò diventerebbe motivo di "grande vergogna". Guardare a quelle storie solo per raccontarle e così gloriarsi, significherebbe tradire quelle vicende, rendendole merce di scambio e non motivo di vita. La tromba suonata da Francesco, dalla quale esce la parola "vergogna", è dunque rivolta a tutti che coloro che parlano di Dio e delle opere da lui compiute negli uomini veri, quelli che hanno vissuto la vita seguendo l'agnello immolato nella grande tribolazione, senza però lasciarsi toccare dal desiderio di quella sequela. Essi usano "la croce" per il loro vantaggio, ma non credono che essa conduca alla vita.



Buon pastore Fonti Francescane Riflessione San Francesco Simone Ceccobao

Articoli correlati

23 Mar 2024

La Domenica delle Palme di Santa Chiara di Assisi

Abbracciare per amore di Cristo l’Altissima Povertà
11 Mar 2024

Verrà risolto l'enigma?

Diamo conto del trasferimento e dell'allestimento di due preziosissime opere del Museo Porziuncola migrate per una mostra a Perugia
04 Mar 2024

Cimabue ritorna

Parliamo del famoso San Francesco d’Assisi dipinto su tavola del Cimabue.
22 Feb 2024

Francesco, il Somigliante

Primo appuntamento del ciclo di Predicazioni quaresimali alla Porziuncola
23 Gen 2024

Il carisma francescano a Fratta dal Medioevo a oggi

Sei appuntamenti dedicati alla figura di San Francesco di Assisi
24 Nov 2023

800 ANNI DI VANGELO

Il 29 novembre i membri della famiglia francescana si riuniranno a Roma
18 Mar 2024

Pasqua 2024 alla Porziuncola

Programma e orari delle celebrazioni ed eventi collaterali