ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Seconda meditazione quaresimale di p. Giulio Michelini 04 Mar 2021

Umili e disponibili per il Signore

P. Giulio Michelini ha offerto la sua seconda meditazione del percorso “Gli anonimi della Passione secondo Marco” mercoledì 3 marzo durante la preghiera serale del Vespro nella Basilica di Santa Maria degli Angeli.

Se la protagonista della prima serata era stata la donna dell’unzione, questa volta al centro della riflessione di p. Giulio vi sono 2 uomini che partecipano ai preparativi della cena pasquale: colui che porta la brocca d’acqua e il padrone di casa che mette a disposizione una sala per Gesù e i suoi discepoli.

In questo brano, Gesù è ritratto dall’evangelista come un vero profeta. Non è semplicemente un veggente, ma il suo interpretare la storia in direzione della volontà salvifica di Dio lo rende profeta. Lo sguardo, infatti, capace di vedere le situazioni sul piano di Dio, in particolare nel tempo cruciale della Passione, ci mostra come anche noi dobbiamo guardare agli avvenimenti della nostra vita.

Il racconto è colmo della stessa tonalità profetica dominante anche nella pagina dell’entrata a Gerusalemme ed indica che quell’ultimo banchetto di Gesù che sta per iniziare con l’istituzione dell’eucaristia rientra nel disegno di Dio. Infatti da quella cena deriverà per sempre la memoria dell’amore con cui Gesù ci ha amato.

L’uomo con la brocca dell’acqua e il padrone di casa sono figure sbiadite, senza contorno a meno che non si osservino a partire da quello sguardo che mette in conto anche la provvidenza di Dio. Infatti, ciò che conta è che abbiano dato il loro umile contributo facendo qualcosa di apparentemente insignificante. Il primo ha indicato una strada, l’altro ha messo a disposizione di Gesù un locale per una cena. Gesti semplici ma che hanno aiutato il Messia a portare a termine la sua missione.

D’ora in avanti il protagonista è solo il Signore. Lui, infatti, metterà a disposizione quanto solo lui può dare: la sua vita cioè il suo corpo e il suo sangue. Ciò che viene chiesto a noi, come ai due anonimi dei preparativi per la cena pasquale, è di essere pronti e disponibili anche per qualcosa che sembra insignificante, ma che agli occhi di Dio assume un valore prezioso.

 



Catechesi Giulio Michelini Marco Passione Passione del Signore Porziuncola Quaresima

Articoli correlati

13 Giu 2024

Cantemus Domino

Ritorna a luglio il consueto Corso di Canto gregoriano alla Porziuncola
09 Giu 2024

Un convergente passo in avanti

Terminato alla Porziuncola il Capitolo delle Stuoie 2024 delle quattro provincia del Centro Italia
07 Giu 2024

Rinnovare. Camminare. Abbracciare.

Si celebra in questi giorni alla Porziuncola il Capitolo delle Stuoie di quattro provincie di Frati minori del Centro Italia
07 Giu 2024

Fra Nicola Taddeo Ciccone sarà sacerdote per sempre

Ordinazione Presbiterale di fra Nicola Taddeo Ciccone
05 Giu 2024

Peregrinatio della Reliquia Maggiore di san Francesco dal 20 al 23 giugno 2024

A Santa Maria degli Angeli arriva la Reliquia delle Stimmate di San francesco: una perpetua testimonianza di quell’”amore che rese l’amante configurato all’Amato”.
03 Giu 2024

Bentornata a casa!

Dopo alcuni mesi di assenza la Pala trecentesca di Prete Ilario ritrova la sua collocazione: più bella e più sicura
24 Mag 2024

Solennità del Corpus Domini alla Porziuncola

Il Programma 2024 delle Celebrazioni liturgiche in Basilica