ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Primo appuntamento del ciclo di Predicazioni quaresimali alla Porziuncola 22 Feb 2024

Francesco, il Somigliante

Eravamo davvero tanti in basilica mercoledì 21 febbraio, per il primo dei cinque appuntamenti di predicazione in calendario durante la Quaresima 2024. Quest'anno ricorre l'ottavo centenario della Stimmatizzazione di San Francesco, avvenuta sul monte della Verna il 17 settembre 1224, appunto. Per l'occasione è stato chiamato a predicare Fr. Michele Pini, un Frate minore che in quel santo eremitaggio vive e che ben conosce nella sua evoluzione storica e spirituale.

<>

Stimmate, un cammino di accoglienza di sè e di conversione: questo il titolo dato al ciclo delle prediche. Per quale ragione, si è chiesto il predicatore, seguire e riascoltare la vicenda umane e spirituale di Francesco di Assisi o di qualunque altro santo? Per il fatto che questi uomini e queste donne, come suggerisce un azzeccato attributo proveniente dall'Oriente cristiano, sono dei Somiglianti; ovvero somigliano per virtù e per vicinanza al Cristo, il Figlio di Dio; sono cioè dei concreti esempi di quanto il Signore Gesù ha compiuto nel suo pellegrinaggio terreno.

Quaresima signfica altresì penitenza: ma su questo termine, ha sottolineato il nostro predicatore, occorre intendersi. Vuol dire rinunciare ad un cioccolatino, ad un bicchiere di vino, ad un alimento o non, piuttosto, mettere da parte tutto ciò che bellezza non è? E vuol dire anche, in quest'anno centenario, individuare in tutto il percorso di San Francesco quelli che sono stati i segni, le Stimmate appunto, della sua conversione.

Una prima stimmata, un primo segno, un primo sigillo è il Sogno di Francesco. Il desiderio che questi portava in cuore. Il suo sogno, non essendo di nobile famiglia, era di divenire grande, un cavaliere; il suo sogno però si infranse nella realtà della guerra (quella vera), della cattura e della prigionia (quelle reali) e della malattia (quella vissuta nella carne). Quaresima allora significa convertire il proprio desiderio: non è detto che il proprio desiderio corrisponda alla volontà di Dio ma (mirabile contrappasso!), che il desiderio di Dio Padre sia ben più ampio, significativo e parlante di quello che ogni individuo mortale porta in sè. Quaresima dunque tempo per apprendere l'umiltà. Nell'umiltà infatti e, San Francesco ci mostra la via, è aderire a come Dio Padre ci ha pensati.

Una menzione merita l'esecuzione del Media vita, un antichissimo canto quaresimale (offertoci dal Maestro di Cappella Fr. Matteo Ferraldeschi e dalla schola della basilica), al termine della predica. Trattasi di un poemetto profondissimo e accoratissimo che nella dolcezza struggente della melodia gregoriana, racconta l'umana ribellione e proclama la sempiterna e instancabile, premurosa salvezza donataci da Dio Padre.



Centenario Porziuncola Predicazione Quaresima San Francesco Stimmate

Articoli correlati

19 Apr 2024

«Creare casa» (Christus vivit, 217)

61ª Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni
18 Apr 2024

Assisi: un gol da 1 milione e mezzo di euro per il campanile!

Vanno eseguiti alcuni improcrastinabili lavori al campanile della Basilica di Santa Maria degli Angeli. “Mettiamo in sicurezza un simbolo dell’Italia”, afferma il Commissario straordinario, Guido Castelli
10 Apr 2024

Corso “Dove sei?” per uomini e donne single dal 24 al 27 MAGGIO 2024

Un percorso triennale sui tre Sacramenti della Iniziazione Cristiana
31 Mar 2024

Questa è la vera Pasqua

Terzo giorno ovvero Veglia pasquale e Domenica di Risurrezione
30 Mar 2024

Con ingiusta condanna fu tolto di mezzo

Seconda giornata del Triduo Pasquale: Via Crucis, Passio Domini e Processione del Cristo morto
29 Mar 2024

Amore senza data di scadenza

Prima giornata del Triduo Pasquale: Messa in coena Domini e Reposizione
18 Apr 2024

Assisi: un gol da 1 milione e mezzo di euro per il campanile!

Vanno eseguiti alcuni improcrastinabili lavori al campanile della Basilica degli Angeli. “Mettiamo in sicurezza un simbolo dell’Italia”, afferma il Commissario straordinario, Guido Castelli



  • 11 Apr 2024

    Pregò e disse: Ave Maria

    Presentazione a Stroncone di quella che si ritiene essere, al momento, la più antica versione dell'Ave Maria: risale al Trecento