Veglia di Natale alla Porziuncola 25 Dic 2019

“Il nostro Salvatore, carissimi, oggi è nato: rallegriamoci!”

“Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia” (Lc 2,10-12) L’annuncio dell’angelo è risuonato ieri notte in una Basilica di Santa Maria degli Angeli gremita di fedeli durante la veglia del Natale del Signore, presieduta dal Custode della Porziuncola, p. Giuseppe Renda.

La celebrazione è iniziata con la preghiera dell’Ufficio delle Letture: un brano tratto dal libro del profeta Isaia e uno tratto da un discorso di San Leone Magno, in cui è possibile leggere: “Il nostro Salvatore, carissimi, oggi è nato: rallegriamoci! Non c’è spazio per la tristezza nel giorno in cui nasce la vita, una vita che distrugge la paura della morte e dona la gioia delle promesse eterne. Nessuno è escluso da questa felicità: la causa della gioia è comune a tutti perché il nostro Signore, vincitore del peccato e della morte, non avendo trovato nessuno libero dalla colpa, è venuto per la liberazione di tutti.”

Alla conclusione della seconda lettura, accompagnato dal suono delle campane a festa e dal canto del Gloria, il Bambino è stato portato in processione fino alla mangiatoia preparata presso l’altare. Il Custode, nell’omelia, ci ha ricordato il vero motivo per cui siamo riuniti a celebrare la messa in un orario così insolito: incontrare una persona che la luce della fede ci fa riconoscere come vero Dio e vero uomo. Il Signore è venuto a condividere la nostra condizione, i nostri problemi perché vuole portarci le risposte anche alle nostre situazioni più dolorose come possono essere le malattie e le sofferenze.

Dio ha deciso di incarnarsi in un momento preciso della storia, portando a compimento tutte le profezie dell’Antico Testamento perché vuole manifestarsi agli uomini proprio attraverso gli eventi, i fatti della vita. Per questo non ha paura di venire anche quando la nostra condizione ci sembra essere impresentabile. Infatti, Egli, innamorato di noi, vuole dirci che noi non valiamo per quello che abbiamo ma per quello che siamo.

P. Giuseppe ha sottolineato che sono proprio i doni straordinari di cui è dotato questo Bambino e indicati dal profeta Isaia nella prima lettura che gli permettono di smascherare il nostro orgoglio e di donarci la Grazia che salva: “Consigliere mirabile, Dio potente, Padre per sempre, Principe della pace.” Egli cambia il nostro sguardo sulla realtà, permettendoci di guardarla attraverso i suoi occhi e solo così potremo vedere la pace regnare in noi, nelle nostre famiglie e nel mondo. Al termine della celebrazione, magnificamente animata dalla Corale della Porziuncola, il Bambino è stato portato in processione e deposto nel Presepe della Basilica.  

 



Gesù Giuseppe Renda Natale Porziuncola Presepe Veglia

Articoli correlati

14 Giu 2021

Il chicco di grano fruttificato in Sant’Antonio

Celebrazione presieduta da p. Fortunato Iozzelli della Provincia Toscana di San Francesco Stimmatizzato
14 Giu 2021

Chiara Corbella, meraviglia della Grazia di Dio!

Omelia di p. Francesco Piloni nella Celebrazione del IX anniversario della nascita al cielo della Serva di Dio Chiara Corbella
12 Giu 2021

In cammino con le famiglie

Programma delle attività estive proposte dalla fraternità “Giovanni Paolo II - Pastorale con le famiglie”
11 Giu 2021

San Giuseppe, custode del Verbo di Dio

II serata degli incontri “Nella bottega di Giuseppe”
10 Giu 2021

Ordinazione presbiterale di fra Antonio e fra Emanuele

Sabato 26 giugno alle 16.00 nella Basilica di Santa Maria degli Angeli
09 Giu 2021

800 anni dall’incontro tra san Francesco e sant’Antonio di Padova

Domenica 13 giugno alle 11.30 in Porziuncola solenne celebrazione eucaristica presieduta da p. Fortunato Iozzelli OFM
10 Giu 2021

Ordinazione presbiterale di fra Antonio e fra Emanuele

Sabato 26 giugno alle 16.00 nella Basilica di Santa Maria degli Angeli