ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Rito di ammissione di sette giovani al postulato di Farneto 17 Gen 2024

Esponetevi… e mieterete con gioia!

A motivo del grande cantiere della basilica il rito si è voluto tenere comunque a S. Maria degli Angeli, ma nella graziosissima Chiesa delle Francescane Missionarie di Gesù Bambino. Sette giovani (provenienti dall’Umbria, dalla Lombardia, dal Veneto e dal Lazio) sono stati accolti nella Provincia Serafica di Umbria-Sardegna per il loro primo periodo di vita residenziale in convento.

Si tratta del Postulato che secondo i nostri attuali Statuti ha la durata di venti mesi e si svolge al Convento Ss. Pietà di Farneto, nella verdissima campagna perugina. Riccardo, Michele, Giorgio B., Giorgio M., Tommaso, Giacomo e Alessandro, dopo un tempo di discernimento da oggi, Festa dei Protomartiri Francescani (5 frati martiri del XIII sec. in Marocco), vivranno in convento per verificare “da dentro” la loro chiamata e formarsi per il Noviziato, tappa successiva.

Il Ministro provinciale, Fr. Francesco Piloni, accogliendoli ha avuto parole di gratitudine, di benedizione, di incoraggiamento e di stimolo per i sette giovani; altrettanto per i loro genitori e familiari ai quali, ugualmente, viene chiesto di vivere l’inconsueta scelta di un loro figlio o fratello: “Vi sarete domandati … cosa sta succedendo? Succede qualcosa di inverso di ciò che successe alla nascita di questo vostro figlio: quel giorno aveste la consapevolezza che Dio si fidava di voi donandovi un figlio. Oggi è chiesto a voi di fidarvi di Dio lasciando che il figlio cammini per la propria strada”.

Ai giovani aspiranti il Ministro, potremmo dire, ha lanciato una sfida. Attingendo alle parole del Salmo 12 (proclamato nell’Eucaristia) ha loro detto: “Esponetevi a Lui senza nascondimenti, senza paure: Lui si è esposto a noi nella Croce, ora siate voi ad esporvi a Lui. Esponete, ponete, stabilite la vostra fiducia in Lui. Mieterete con gioia!”

Semplicissimo poi il Rito vero e proprio. Un breve dialogo col Ministro provinciale in cui gli aspiranti hanno chiesto di poter essere accolti alla vita fraterna e ad essa venire educati; guidati ad apprendere la vita di preghiera e nella conoscenza della spiritualità di San Francesco e della vita francescana.

Al termine, prima di dare loro la benedizione ed affidarli alla comunità formativa e, in modo specifico al loro Maestro, Fr. Enrico Voltolini, è stato consegnato ad ognuno il Tau, le Fonti Francescane e dato loro un caloroso abbraccio di benvenuto. Oltre a chiedere a tutti di benedire con noi Dio Padre per il grande dono di questi giovanissimi fratelli chiediamo di accompagnarli nella preghiera.  



Assisi Convento Frati Giovani Porziuncola Postulato Vocazione

Articoli correlati

19 Apr 2024

«Creare casa» (Christus vivit, 217)

61ª Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni
18 Apr 2024

Assisi: un gol da 1 milione e mezzo di euro per il campanile!

Vanno eseguiti alcuni improcrastinabili lavori al campanile della Basilica di Santa Maria degli Angeli. “Mettiamo in sicurezza un simbolo dell’Italia”, afferma il Commissario straordinario, Guido Castelli
17 Apr 2024

Tutti in Paradiso!

Il cammino di santità dei laici francescani
10 Apr 2024

Corso “Dove sei?” per uomini e donne single dal 24 al 27 MAGGIO 2024

Un percorso triennale sui tre Sacramenti della Iniziazione Cristiana
31 Mar 2024

Questa è la vera Pasqua

Terzo giorno ovvero Veglia pasquale e Domenica di Risurrezione
30 Mar 2024

Con ingiusta condanna fu tolto di mezzo

Seconda giornata del Triduo Pasquale: Via Crucis, Passio Domini e Processione del Cristo morto
18 Apr 2024

Assisi: un gol da 1 milione e mezzo di euro per il campanile!

Vanno eseguiti alcuni improcrastinabili lavori al campanile della Basilica degli Angeli. “Mettiamo in sicurezza un simbolo dell’Italia”, afferma il Commissario straordinario, Guido Castelli



  • 11 Apr 2024

    Pregò e disse: Ave Maria

    Presentazione a Stroncone di quella che si ritiene essere, al momento, la più antica versione dell'Ave Maria: risale al Trecento