ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Abbracciare per amore di Cristo l’Altissima Povertà 23 Mar 2024

La Domenica delle Palme di Santa Chiara di Assisi

Abbiamo chiesto a suor Maria Milena, clarissa del Monastero di Trevi, di parlarci della scelta di Santa Chiara di seguire Gesù povero e crocifisso proprio il giorno delle palme. Suor Milena ci ha spiegato che la Domenica delle Palme è un giorno molto importante per il secondo ordine francescano, l’ordine delle sorelle povere di Santa Chiara. Infatti proprio in questa domenica, in particolare nella notte tra la domenica delle palme e il lunedì Santo dell’anno 1212, Chiara di Assisi, una giovane ragazza che aveva più volte parlato con Francesco e gli aveva aperto il cuore dichiarandogli il suo desiderio di fare una scelta di sequela radicale di Cristo Gesù, esce dalla porta secondaria della sua abitazione ubicata nella parte alta della città di Assisi e raggiunge la chiesa di Santa Maria della Porziuncola, più in basso nella vallata, dove la fraternità di Francesco l’attendeva con le torce accese e in preghiera.

Questo è quanto ci racconta il biografo Tommaso da Celano di quanto è accaduto in questa notte della domenica delle palme del 1212; ora quello che è accaduto in quell’occasione, è un po’ simile alle prime battute di una sinfonia che racchiude in sé il tema dominante che poi sarà più ampiamente sviluppato nell’arco dell’intera opera sinfonica, similmente possiamo vedere in quel segmento iniziale della vita consacrata di Chiara, il tutto della sua scelta di vita, un’esistenza tutta dedicata a Dio.

<>Sia Chiara che Francesco, sono rimasti tanto colpiti dalla scelta di Gesù, il Figlio di Dio, che non ha tenuto per sé la sua uguaglianza con Dio, ma si è abbassato, si è spogliato di tutto, ha assunto la condizione di servo, divenendo simile a noi in tutto e ha donato la sua vita per noi; ecco, questa è l’altissima povertà del Figlio di Dio che ha tanto colpito Chiara e Francesco e che entrambi hanno scelto di rivivere nella loro esperienza di vita.

 

Questa logica di discesa e di abbassamento del Figlio di Dio, che sempre scende, già nell’incarnazione e soprattutto nella passione, è in qualche modo ripercorsa da Chiara che esce dal portone della sua casa che è ubicata in alto ad Assisi dove abitavano i nobili e percorre tutta la strada in discesa che la porta alla pianura presso l’umile chiesina della Porziuncola.

È emblematico come quest’immagine del voler sempre stare in basso, sia sempre presente in tanti passaggi di vita che Chiara compie nell’arco della sua intera esistenza dedicata interamente alla sequela del Signore Gesù povero e umile.

È questo della povertà di Cristo il tema ricorrente nei suoi scritti in cui sottolinea spesso che lo specifico della vita di questo piccolo gregge che il Padre ha generato nella sua Chiesa, è proprio quella di seguire le orme di Gesù povero e umile indicando quindi l’altissima povertà del Figlio di Dio come la strada privilegiata di conformazione a Lui.

Un secondo aspetto importante è che Chiara non ha percorso da sola questo itinerario di sequela di Cristo Povero, con lei c’era una comunità, c’era una chiesa che l’accompagnava che la seguiva, c’erano Francesco con i suoi compagni che l’attendevano, c’erano le sorelle che di lì a poco sarebbero arrivate a condividere la sua scelta di vita evangelica, c’era il vescovo di Assisi Guido che custodiva il cammino vocazionale di questi giovani generosi della sua diocesi. Tutto questo dice come le relazioni fraterne sono esattamente la via nuova in cui questa altissima povertà del figlio di Dio, che è un po’ il cuore della ricerca continua di Chiara, si avvera dentro le relazioni fraterne e la custodia della santa unità sarà proprio la passione di Chiara per tutta la sua vita.

La domenica delle palme ci presenta ancora un’altro aspetto importante da sottolineare: con essa entriamo nella Settimana Santa, i giorni della passione di Nostro Signore, questo ci dice che ogni cristiano è chiamato a seguire il suo Signore fino al dono totale di sé, così come ha fatto Chiara la quale ha vissuto tutta la sua vita a San Damiano raccolta dentro le mura di una piccola chiesa. Anche la scelta di abitare un piccolo luogo come San Damiano, richiama quel suo desiderio delle origini di abbracciare l’altissima povertà del figlio di Dio, in quel modo Chiara ha vissuto una vita di preghiera e di lavoro umile e fraterno.

Questo aspetto della preghiera è da sottolineare, perché con questa domenica entriamo nei giorni della passione del Signore nei quali Gesù entra pregando e il Vangelo più volte ci parla di Gesù in preghiera, tutta la sua vita è stata costellata di questi momenti forti di preghiera, soprattutto quando ha preso decisioni importanti.

Ecco, i passaggi della vita si affrontano mediante la preghiera, le scelte fondamentali della vita si fanno in preghiera, proprio come è stata la trama di tutta l’esistenza di Chiara una donna fatta preghiera.



Assisi Clarisse Domenica delle Palme Porziuncola San Francesco Santa Chiara

Articoli correlati

19 Apr 2024

«Creare casa» (Christus vivit, 217)

61ª Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni
18 Apr 2024

Assisi: un gol da 1 milione e mezzo di euro per il campanile!

Vanno eseguiti alcuni improcrastinabili lavori al campanile della Basilica di Santa Maria degli Angeli. “Mettiamo in sicurezza un simbolo dell’Italia”, afferma il Commissario straordinario, Guido Castelli
17 Apr 2024

Tutti in Paradiso!

Il cammino di santità dei laici francescani
10 Apr 2024

Corso “Dove sei?” per uomini e donne single dal 24 al 27 MAGGIO 2024

Un percorso triennale sui tre Sacramenti della Iniziazione Cristiana
31 Mar 2024

Questa è la vera Pasqua

Terzo giorno ovvero Veglia pasquale e Domenica di Risurrezione
30 Mar 2024

Con ingiusta condanna fu tolto di mezzo

Seconda giornata del Triduo Pasquale: Via Crucis, Passio Domini e Processione del Cristo morto
11 Mar 2024

Missione al popolo dei Frati Minori ad Ercolano

Come Francesco, annunciare oggi il Risorto vicini alla povera gente