Alla scuola dei Re Magi per riconoscere Dio “come Dio” 28 Dic 2020

Adorazione: un “inno di silenzio” a Dio

Dei Re Magi si legge che, dopo essersi lasciati alle spalle la città di Gerusalemme, con le discussioni dei dottori della legge e gli intrighi di Erode, con grande gioia ripresero a seguire la stella, trovarono il Bambino e “prostratisi, lo adorarono” (Mt 2,11).

Noi dobbiamo fare un po’ come loro. Se infatti, come dice S. Paolo, il peccato che rende gli uomini “inescusabili” è non riconoscere Dio come Dio (cf. Rm 1), allora il suo antidoto è l'adorazione, perché solo l’adorazione, essendo riservata esclusivamente a Dio, attesta che si riconosce Dio “come Dio”.

L’adorazione è l’unico atto religioso che non si può offrire a nessun altro, neppure alla Madonna, ma solo a Dio. È qui la sua dignità e forza unica. Ma in che consiste propriamente e come si manifesta l’adorazione? È come un lampo di luce nella notte. È la percezione della grandezza, maestà, bellezza, e insieme della bontà di Dio e della sua presenza che toglie il respiro. È una specie di naufragio nell’oceano della maestà di Dio.

Un’espressione di adorazione, più efficace di qualsiasi parola, è il silenzio. Esso infatti dice da solo che la realtà è al di là di ogni parola. Secondo alcuni, la parola “adorare” indicherebbe, nel latino, il gesto di mettersi la mano sulla bocca, come ad imporsi silenzio. Adorare – secondo la stupenda espressione di san Gregorio Nazianzeno – significa elevare a Dio un “inno di silenzio”. Come a mano a mano che si sale in alta montagna l'aria si fa più rarefatta, così a mano a mano che ci si avvicina a Dio la parola deve farsi più breve, fino a diventare completamente muta e unirsi in silenzio a colui che è l’ineffabile.

L’adorazione esige dunque che ci si pieghi e che si taccia. Ma è, un tale atto, degno dell’uomo? Non lo umilia, derogando la sua dignità? Che Dio è se ha bisogno che le sue creature si prostrino a terra davanti a lui e tacciano? È inutile negarlo, l’adorazione comporta per le creature anche un aspetto di umiliazione, un farsi piccoli, un arrendersi; così essa attesta che Dio è Dio e che niente e nessuno ha diritto di esistere davanti a lui.

Con l’adorazione si immola e si sacrifica il proprio io, la propria gloria, la propria autosufficienza. Ma questa è una gloria falsa e inconsistente, ed è una liberazione per l'uomo disfarsene. Adorando, si diventa “autentici” nel senso più profondo della parola. Nell'adorazione si anticipa già il ritorno di tutte le cose a Dio.

Come l’acqua trova la sua pace nello scorrere verso il mare e l’uccello la sua gioia nel seguire il corso del vento, così l’adoratore nell'adorare. Adorare Dio non è dunque tanto un dovere, un obbligo, quanto un privilegio, anzi un bisogno. Non è dunque Dio che ha bisogno di essere adorato, ma l'uomo di adorare.

Uno slancio gioioso, dono spontaneo della creatura che esprime così la sua gioia di non essere lui stesso Dio, per poter avere un Dio sopra di sé da adorare, ammirare, celebrare.

Photo credits: Eugene Triguba on Unsplash 



Adorazione Inno Magi Natale Notte Silenzio

Articoli correlati

22 Mag 2021

La notte dei santuari

Martedì 1 giugno alle ore 20.30 alla Porziuncola e in comunione con tutti i santuari d’Italia
08 Mar 2021

“Egli perdona tutte le tue colpe”

24 ore per il Signore - 12/13 marzo, Santa Maria degli Angeli
02 Gen 2021

Un nuovo inizio con il Bambino di Betlemme

Capodanno 2021 alla Porziuncola
26 Dic 2020

Testimoni di un Dio che si è fatto incontrabile

Natale 2020 alla Porziuncola
25 Dic 2020

Gesù bambino squarcia le tenebre del mondo

Messa nella Notte di Natale alla Porziuncola
24 Dic 2020

Vieni presto, o Signore, e non tardare!

Ultima serata del Settenario di Natale
14 Giu 2021

Chiara Corbella, meraviglia della Grazia di Dio!

“Questa celebrazione vuole portare la primavera in questo tempo faticoso!”